Aule Studio diffuse: «Apriamo i quartieri alle studentesse e agli studenti»

Nell’ambito dell’iniziativa “CON.TE.STO”, promossa il 9 marzo dall’Amministrazione Comunale di Cesena, all’interno del progetto “Rete Bibliotecaria Cittadina”, due rappresentanti dei Giovani Democratici di Cesena, hanno proposto di usare gli spazi delle già esistenti delle biblioteche di quartiere, come aule studio.


Con l’obiettivo di garantire alle studentesse e agli studenti cesenati la possibilità di poter studiare in luoghi più vicini ed accessibili alle loro abitazioni o scuole. L’iniziativa è rivolta, in modo particolare, ma non esclusivamente, alle studentesse e agli studenti delle scuole superiori.


La popolazione scolastica e universitaria sta vivendo un periodo particolarmente complesso: la scuola e l’università in “DAD” rappresentano una risposta necessaria alla crisi pandemica, ma ha messo in luce le disparità in termini di accessibilità e disponibilità di spazi per studiare. Partendo da questa emergenza si è pensato di garantire questa possibilità, fondamentale in tempo di pandemia, anche come opportunità da cogliere per la ripartenza post CoVid.

I Giovani Democratici: «La città di Cesena offre molto a noi studenti, l’impegno in tal senso dell’Amministrazione Comunale sta garantendo una valida esperienza di studio a Cesena, ma creando delle aule studio dislocate nel territorio comunale si potrà garantire una maggiore fruibilità degli spazi già a disposizione della città. Inoltre i quartieri sono all’inizio di una nuova fase. Questa iniziativa fa parte di un più ampio progetto volto a coinvolgere maggiormente la cittadinanza nella vita e nelle attività del quartiere, uno dei maggiori problemi emersi durante l’ultima campagna elettorale. Le aule studio diffuse nei locali dei quartieri darebbero nuova vita agli stessi, e garantirebbero una maggiore frequentazione delle attività commerciali della zona da parte degli studenti. Questo tipo di iniziative non possono che aumentare il prestigio e l’attrattività di Cesena, rendendola sempre più una città a misura di studente.»

Come Giovani Democratici vogliamo che la costruzione di questo progetto avvenga assieme alle studentesse, agli studenti, ai rappresentanti degli studenti e alle scuole. Ascoltare la voce di tutti è di fondamentale importanza. Abbiamo, infatti, già iniziato una campagna di ascolto, che si intensificherà nei prossimi giorni, per capire le esigenze specifiche di ognuno. Questo contribuirà ad arricchire un progetto che nasce dagli studenti per gli studenti.

Comments

comments

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.