Le cose cambiano

Anche quest’anno siamo pronti per celebrare la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia; una ricorrenza istituita per mantenere alta l’attenzione sui diritti delle persone LGBT promossa dall’Unione Europea che si celebra dal maggio del 2004. Un appuntamento prezioso per rimarcare con forza i diritti ancora negati in Italia, perché la strada da fare è ancora tanta e all’appello mancano ancora delle leggi molto importanti: come il riconoscimento del Matrimonio Egualitario e l’approvazione di una Legge contro l’Omobitransfobia.

Per questo il Gruppo Rimbaud Lgbtqie* Cesena e i Giovani Democratici di Cesena vogliono coinvolgere i cesenati per un momento di riflessione e confronto.

Per la serata di mercoledì 16 maggio, presso il Bar Caffeina (Corso Garibaldi n°79, Cesena) a partire dalle ore 21:00, abbiamo organizzato il reading “LE COSE CAMBIANO – Storie di Alan Turing, Virginia Woolf, Lili Elbe” dove ripercorremmo le storie delle vite di artisti, scienziati e scrittori tramite la lettura di brevi estratti di biografie e lettere. Per percepire da più vicino le loro emozioni e sensazioni. Al microfono, per le letture, si alterneranno alcuni ragazzi di Rimbaud LGBTQIE* e dei Giovani Democratici. Tutta la cittadinanza è invitata.

Primo Maggio: il Lavoro e i Giovani

La totale assenza della questione giovanile dalla discussione elettorale e post-elettorale rimane nel solco tracciato dalle scelte politiche compiute dalle maggioranze parlamentari e dai governi dell’ultimo decennio. Non senza rammarico dobbiamo constatare che neppure il Partito Democratico ha saputo dare risposte alle difficoltà che negli ultimi anni nel Paese si sono rafforzate e hanno assunto l’aspetto, quanto mai pericoloso, di granitiche e ineluttabili certezze per numerosissimi coetanei.
In questi anni il PD non ha inciso sulla realtà nel modo e nelle proporzioni delle quali il Paese avrebbe avuto bisogno: la progressiva privazione dei diritti sociali, iniziata da ormai diversi decenni e spinta dolorosamente dalla crisi, non si è fermata, a partire dal primo di essi: quello a un lavoro dignitoso, inclusivo, utile all’avanzamento spirituale dell’individuo e della comunità che lo circonda. La sanità, la scuola, l’università e la ricerca rimangono sotto-finanziate e in carenza cronica di personale (peraltro il più anziano d’Europa). Si è deciso di spendere decine di miliardi per tagli di tasse senza criterio o addirittura per l’abbassamento della pressione fiscale sui patrimoni, già molto bassa in Italia, quasi sempre a favore di quanto già erano al lavoro.
Questa è stata la cornice di un quadro che ci parlava di una condizione giovanile drammatica: i giovani sono stati dimenticati, mai toccati da alcun provvedimento tra i tanti dei quali ci siamo pavoneggiati negli ultimi 5 anni. Continue reading

Abbiamo perso ma non ci fermiamo

Cara democratica e caro democratico,

senza alcun dubbio si tratta di una sconfitta, anche a Cesena, chiara ed evidente. È innegabile che, al netto dei nostri, a questo punto evidenti, demeriti ed errori in città, nel territorio cesenate abbiamo pagato un indirizzo e un vento ben più che locale. Valutando, poi, la condizione dei socialisti nel resto d’Europa verrebbe da affermare che questo vento sia anche molto più che italiano.

Durante la campagna elettorale abbiamo intrapreso un viaggio bello e impegnativo, fatto di incontri e scambi. In questi giorni abbiamo detto di voler più occupazione, più diritti, più attenzione a chi ne ha bisogno, più lotta all’evasione fiscale, più cura dell’ambiente, più integrazione europea. Avevamo dalla nostra parte un programma concreto e senza promesse irrealizzabili. Continue reading

L’agricoltura nel territorio e le sfide per il futuro

L’agricoltura nel territorio e le sfide per il futuro

Venerdì 23 febbraio al Palazzo del Ridotto di Cesena alle ore 20:45 si terrà l’incontro “L’agricoltura nel territorio e le sfide per il futuro” a cui parteciperanno Paolo De Castro, Primo Vicepresidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo; Fabrizio Landi, Candidato alla Camera dei Deputati; Andrea Fantini, giovane agricoltore; e Lia Montalti, Consigliera Regionale.
Abbiamo scelto di organizzare questo incontro perché il settore agricolo è assolutamente cruciale per il nostro territorio. Negli ultimi anni il governo guidato dal Partito Democratico ha adottato misure concrete per sostenere il comparto: ha diminuito le tasse sul mondo agricolo, a cominciare dall’azzeramento dell’Imu, ha dato il via alla legge contro il caporalato e contro lo spreco alimentare, ha dedicato l’Expo al settore agroalimentare, che ha raggiunto il record di export superando quota 40 miliardi di euro, ha introdotto l’obbligo di indicazione dell’origine della materia prima in etichetta e ha sostenuto i giovani agricoltori con finanziamenti ad hoc. Continue reading

La prima volta non si scorda mai

Si sente dire un po’ ovunque che i giovani non si interessano più di cosa accade loro attorno, di discutere di politica, dei problemi del Paese e confrontare le proprie idee con quelle altrui. Nulla di più falso.
Ai giovani manca la possibilità, non la volontà di un confronto, manca un luogo fisico fatto di persone reali con cui discutere, perché viviamo in un mondo che ci ha abituato a discutere solo con noi stessi interrogandoci non più per mettere in dubbio, ma per confermare ciò che già ritenevamo giusto.
E allora questa è l’occasione giusta per dimostrare che al giovane importa in prima persona del suo futuro, e che basta dargli voce per sentire quante cose ha da dire. Continue reading

Serietà e concretezza con Fabrizio Landi


Siamo in campagna elettorale e tutti promettono di tutto. Noi siamo diversi e vogliamo mantenerci diversi. Per l’Italia proponiamo impegni concreti, realizzabili e a portata di mano.
Accettiamo questa sfida per il futuro di tutti, da affrontare con serietà e concretezza.
Alle Elezioni Politiche del 4 marzo 2018 vota Fabrizio Landi e il Partito Democratico.

Ecco una sintesi del nostro programma elettorale. Continue reading

Diffondiamo cultura per combattere il fascismo

Oltre il danno, la beffa: Cesena, città decorata con la Medaglia d’Argento al Valor Militare, e Provincia, decorata con la Medaglia d’oro al Merito Civile, si trovano da qualche tempo assediate da inaccettabili manifestazioni e propagande di dichiarato stampo fascista. Intimidazioni, offese, molestie, a singoli e ad intere comunità. È sotto gli occhi di tutti il tentativo perdurante di qualcuno di portare indietro l’orologio e di cancellare importanti pagine di storia che hanno reso la nostra città e tutto il suo territorio quello che è oggi: libera, antifascista, accogliente e solidale.
L’ultima pagliacciata, in ordine cronologico, è di questa notte. Con buona pace della pubblica decenza, troviamo affisso l’ennesimo striscione abusivo recante la scritta “I fascisti non rubavano”. Gesto ridicolo quanto il suo contenuto, che ci portano ad affermare con convinzione che non solo non ci sentiamo scoraggiati, ma anzi spronati a perseverare nel percorso da anni intrapreso a difesa della democrazia, della solidarietà e dei diritti di tutti.
È noto a tutti (tranne che ai fascisti, pare) che con il Partito Nazionale Fascista al governo dilagò la corruzione e, solo grazie alle coraggiose segnalazioni di personaggi come Matteotti, si denunciarono traffici illeciti e scambi di mazzette per ogni tipo di illegittimo affare. È bene inoltre ricordare che quello stesso partito di cui certuni invocano la rinascita, non depredò l’Italia soltanto materialmente, ma anche e soprattutto della dignità dei suoi stessi cittadini: privandoli di libertà fondamentali come il voto o la libertà di espressione, mandando a morte numerosi concittadini sul fronte e rendendosi complici dello sterminio di migliaia di connazionali “colpevoli” di essere ebrei o di appartenere ad altre minoranze perseguitate. Continue reading

Contributo dei GD al Congresso PD Cesena 2017

Da parte dei Giovani Democratici viene il più sincero ringraziamento a Paolo Zanfini, segretario comunale uscente, per il servizio di questi anni. Paolo si è messo in gioco, ha affrontato con garbo e sincerità le critiche dei tanti balconatori (come direbbe Papa Francesco) di questa città. Nocchiere di una nave “in gran tempesta”, ha guidato il partito attraverso le multiformi circostanze degli ultimi anni. Ma, certo, non si può non rilevare che qualcosa in questi anni non abbia funzionato. Anche a livello comunale, troppe volte abbiamo dato l’impressione che la nostra discussione fosse isolata e, talora, del tutto assente. Se si parla da un’isola il messaggio giunge solo a chi vive in quell’isola, per tutti gli altri in mezzo c’è il mare. Crediamo che il PD, invece, debba stare sulla terraferma, far arrivare il messaggio alla città tutta, aprirsi alle realtà del territorio, alle associazioni, alle esperienze più disparate. Sempre con l’assillo, però, che aprirsi significa discutere, farsi contaminare, non divenire un tutt’uno con gli interlocutori. La sententia di guida dev’essere quel “amici di tutti ma parenti di nessuno” di bersaniana memoria. E’ necessario che il PD mantenga la sua indipendenza nell’elaborazione, indipendenza anche rispetto alle scelte dell’amministrazione comunale. Perché lo schiacciamento del partito sulle posizioni dell’amministrazione è frustrante per chi milita nel partito e lo vorrebbe luogo nel quale esprimere le istanze della città con la speranza di essere un pungolo per l’amministrazione. Continue reading

Giustizia e solidarietà: la cittadinanza è integrazione e coesione, non un pericolo

GiusTIZIA E soliDARIETÀ – La cittadinanza è integrazione e coesione, non un pericolo

Allo Ius Soli non dobbiamo rinunciare, questo è il momento! Il provvedimento sulla cittadinanza deve arrivare ad approvazione entro questa legislatura, perché è una legge di civiltà, una legge giusta di cui il Paese ha bisogno.

Da tempo ci spendiamo per tenere alta l’attenzione su questo tema, e continueremo a farlo, non ci faranno arretrare di certo i vili e ridicoli attacchi fascisti, come quelli che abbiamo subito recentemente da parte di chi, ignobilmente e con la complicità della notte, va ad imbrattare e vandalizzare le sedi del PD.

Approvare questa legge significa fare buona amministrazione, prendere atto della composizione della popolazione che vive e risiede nel nostro Paese e comprenderne la condizione. Un buon governo non può ritrarre lo sguardo dalla realtà, così facendo perde il contatto con i bisogni, le aspettative e le richieste dei propri cittadini.

Per questo sabato 28 ottobre alle ore 18:00 presso la Sala Conferenze del Partito Democratico, in Viale Bovio n°48, noi GD abbiamo organizzato, in collaborazione con i Giovani Musulmani d’Italia della Sezione di Cesena, il dibattito pubblico “GiusTIZIA E soliDARIETÀ – La cittadinanza è integrazione e coesione, non un pericolo”. Saranno presenti per discuterne con noi: Brahim Maarad, Giornalista AGI; Enzo Lattuca, Deputato della Repubblica; e Simona Benedetti, Assessore ai Servizi per le Persone del Comune di Cesena. Continue reading

Secondo Contest Fotografico #FestaDemCesena2017

#FestaDemCesena2017

In occasione della Festa Democratica dell’Unità di Cesena, che si terrà come di consueto presso il Parcogiochi “Frutipapalina” in Piazzale Berlinguer dal 30 giugno al 16 luglio, i Giovani Democratici organizzano il Secondo Contest Fotografico #FestaDemCesena2017 dove per ogni categoria (Facebook e Instagram) sarà possibile vincere una cena per due persone: i premi potranno essere riscossi domenica 16 luglio presso il ristorante all’interno della stessa Festa.
Le regole sono semplici: il contest inizia venerdì 30 giugno e per partecipare basta semplicemente scattare una o più fotografie a tema libero presso la Festa Democratica dell’Unità di Cesena e pubblicarle sul proprio profilo Facebook e/o Instagram avendo cura di inserire nel testo di ogni singolo post l’hashtag #FestaDemCesena2017.
Vince la cena per due persone il concorrente che avrà pubblicato la foto che riceverà più “Mi piace” entro giovedì 13 luglio nella rispettiva categoria.
La partecipazione è gratuita, ed è aperta a tutti i cittadini di tutte le età.
Inoltre ricordiamo che per leggere il regolamento completo bisogna consultare il sito internet www.gdcesena.it/contestfoto o contattarci attraverso la nostra e-mail gdcesena@gmail.com
Non ci resta che augurarvi buona fortuna e buon divertimento ad ogni partecipante.

Per combattere l’omofobia Monica Cirinnà a Cesena il 18 maggio

Anche quest’anno è arrivata la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia, ricorrenza promossa dall’Unione Europea che si celebra da maggio del 2004, ed è sempre un’ottima occasione per fare il punto della situazione sui diritti degli omosessuali e dei transessuali in Italia e nel mondo.
Nel nostro Paese, il 2016 verrà ricordato come l’anno delle Unioni Civili. Dopo trent’anni di fallimenti in Parlamento, grazie alla tenacia della Senatrice Monica Cirinnà ed al sostegno in prima linea del Partito Democratico, l’Italia è riuscita a fare questo grande passo in avanti in materia di diritti LGBT. C’è tuttavia ancora tanta strada da fare per riconoscere il Matrimonio Egualitario ed approvare finalmente una giusta Legge contro l’Omofobia e la Transfobia.
Quest’ultima è una legge necessaria ed urgente perché, stando all’ultimo rapporto dell’ILGA (International Lesbian and Gay Association), l’Italia è il Paese più omofobo dell’Europa Occidentale. Giovani e meno giovani subisco quasi quotidianamente episodi più o meno gravi di violenza, sia fisica che psicologica, episodi che troppo spesso hanno trovato il loro tragico epilogo nel sangue, come si legge sulle pagine di cronaca dei nostri giornali e TG nazionali e locali.

Diritti alla Meta con Monica Cirinnà

Come non dimenticare inoltre il troppo recente passato della nostra città: ci è stato più volte ricordato che a Cesena e in Romagna c’è ancora chi dimentica il concetto di uguaglianza – organizzando macabre pagliacciate o imbrattando i muri delle nostre case con vergognosi cartelli offensivi ed abusivi – ed è bene ricordare a queste persone vigliacche e meschine che i cesenati ed i romagnoli non si lasciano intimidire. Hanno infatti dimostrato più volte di saper rispondere con gesti di solidarietà ed accoglienza, ultimo in ordine di tempo la bella e partecipata manifestazione dello scorso febbraio.
È con grande piacere, proprio perché vogliamo rimarcare con forza cosa significhi la parola “Uguaglianza”, che invitiamo la cittadinanza al nostro prossimo evento: “Diritti alla meta – Un anno di Unioni Civili”, organizzato dai Giovani Democratici e dal Gruppo Rimbaud LGBTQIE*, per la giornata di giovedì 18 maggio alle ore 18:00 presso il Palazzo del Ridotto a Cesena (Piazza Almerici). Alla conferenza prenderanno parte le senatrici Monica Cirinnà e Mara Valdinosi e la Docente di Psicologia dell’Università di Ferrara Paola Bastianoni. Alla fine del dibattito la serata proseguirà con un’Apericena e la premiazione dell’Art Contest “Cromatica” nel vicino locale “Mastro Birraio”.

Diritti alla Meta con Monica Cirinnà

Diritti alla Meta con Monica Cirinnà

La Giornata Internazionale contro Omofobia, Bifobia e Transfobia è una ricorrenza promossa dall’Unione Europea che si celebra ogni anno dal maggio 2007.
Quest’anno, in occasione di tale ricorrenza, abbiamo voluto organizzare per la cittadinanza cesenate un’intera giornata di riflessione, dibattito e conoscenza delle tematiche LGBT+. Continue reading

Primarie PD 2017. La democrazia è qui.

PERCHÉ SI VOTA
Domenica 30 aprile gli elettori del Partito Democratico sono chiamati a decidere, con il proprio voto – personale e segreto – la composizione dei gruppi dirigenti del Partito Democratico e a scegliere, in questo modo, l’indirizzo politico del Partito.

CHI SI ELEGGE
Si vota per eleggere:
• il Segretario nazionale del Partito Democratico;
• i rappresentanti dell’Emilia-Romagna nell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico.

CHI VOTA
Il 30 aprile possono votare i cittadini italiani; i cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia; i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare carta o permesso di soggiorno o documento equiparato. L’età minima per votare è 16 anni.

PRE-REGISTRAZIONI dei fuori sede, dei giovani 16/17 anni, degli stranieri residenti in Italia
Per essere ammessi al voto, tutti coloro che si troveranno fuori dalla provincia di residenza il 30 aprile e vorranno partecipare alle Primarie, i giovani in età compresa tra i 16 e i 18 anni, i cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia e i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare permesso di soggiorno o della ricevuta della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno, devono pre-registrarsi online su www.primariepd2017.it oppure presso la sede della Federazione PD di CESENA (Viale G. Bovio 48, tel. 054721368 – organizzazione@pdcesena.it), entro le ore 12.00 del 27 aprile 2017.

COME SI VOTA
Domenica 30 aprile si vota dalle ore 8.00 alle ore 20.00.
Per votare occorre presentarsi al seggio con un documento d’identità, dichia­rare di essere elettori del Partito Democratico e accettare la registrazione nell’Albo degli elettori del PD, versare almeno 2 euro. Ogni elettore riceve la scheda di voto per il Segretario e l’Assemblea Nazionale.
Il voto si esprime apponendo un unico segno in uno dei riquadri che contiene il nome del candidato a Segretario nazionale e della lista che lo sostiene.

DOVE SI VOTA
I seggi allestiti in tutta la provincia sono decine.
In allegato i seggi allestiti nel Comune di Cesena e negli altri Comuni del territorio cesenate.
Puoi controllare qual è il tuo seggio anche su www.primariepd2017.it.

Per maggiori informazioni consulta il seguente link: www.pdcesena.it/primariepd2017