Serietà e concretezza con Fabrizio Landi


Siamo in campagna elettorale e tutti promettono di tutto. Noi siamo diversi e vogliamo mantenerci diversi. Per l’Italia proponiamo impegni concreti, realizzabili e a portata di mano.
Accettiamo questa sfida per il futuro di tutti, da affrontare con serietà e concretezza.
Alle Elezioni Politiche del 4 marzo 2018 vota Fabrizio Landi e il Partito Democratico.

Ecco una sintesi del nostro programma elettorale.

LAVORO E IMPRESA
Più lavoro di qualità, non assistenzialismo. In Emilia-Romagna il tasso di disoccupazione è in continuo calo (dal 9% del 2014 al 5,8% previsto nel 2018) e il PIL in continua crescita (+1,9% nel 2018). Minor costo del lavoro a tempo indeterminato, estensione della misura degli 80 euro ai lavoratori autonomi, riduzione delle tasse alle imprese, fondi per l’innovazione e la formazione continua: anche in Romagna vogliamo una Impresa 4.0 al passo coi tempi. Vogliamo una economia che riesca a coniugare tradizione e innovazione, affrontando le nuove sfide del mercato globale e puntando sulla valorizzazione delle eccellenze agroalimentari e industriali locali, senza tralasciare la forza della piccola e media impresa commerciale ed artigianale.

REDDITO ED EQUITÀ
Tagliare le tasse alle famiglie, non ai milionari. Vogliamo continuare a sostenere i redditi medio-bassi prevedendo assegni mensili per ciascun figlio fino ai 18 anni e contributi per pagare asili e baby sitter a chi ne ha bisogno: questi sono strumenti fondamentali per sostenere l’occupazione femminile e giovanile. Pagare meno, pagare tutti: la lotta all’evasione fiscale continua ad essere il nostro cavallo di battaglia.

INVESTIMENTI E SVILUPPO
Investire sull’Italia e sulla Romagna. Banda larga, alta velocità ferroviaria e treni pendolari, grandi ciclovie e piste ciclabili, trasporto pubblico locale: gli investimenti che vogliamo sono nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. Per il nostro territorio serve mettere in sicurezza la E-45, completare il Lotto Zero della Secante, per una viabilità in grado di collegare Rimini, Cesena e Forlì in maniera più scorrevole, inserire nel progetto delle ciclovie la dorsale adriatica romagnola e la Valle del Savio, nonché investire sul trasporto ferroviario veloce di costa.

SCUOLA E UNIVERSITÀ
La società della conoscenza: scuola e università. 10 miliardi in 5 anni per investimenti strutturali sulle scuole, pari ai 5 anni passati, inserimento di 10 mila ricercatori nelle Università, contributi per la formazione digitale e un “esercito” di maestri nelle aree a priorità educativa: sono le fondamenta che vogliamo gettare per il nostro futuro.

CULTURA E TURISMO
Storia e paesaggio sono una ricchezza. Cultura e turismo rappresentano due assi fondamentali e qualificanti dell’economia e dell’identità del nostro territorio e del nostro paese. L’innovazione e l’integrazione fra i due settori è la nostra scelta.

AMBIENTE ED ENERGIA
La svolta ambientale. Vogliamo mantenere le promesse fatte firmando l’accordo di Parigi e cogliere le grandi opportunità dell’economia circolare, per garantire la creazione di nuovi posti di lavoro per una economia più sostenibile. Una Strategia Energetica Nazionale che punta all’uso delle fonti rinnovabili è l’unica via possibile.

PERSONE E COMUNITÀ
Prendersi cura delle persone. Vogliamo una comunità capace di consolidare, attraverso un rapporto virtuoso fra pubblico e privato, i servizi per le persone, consapevole che su questo terreno si gioca una sfida importantissima per intere generazioni. Interventi sulle fasce più deboli, come il reddito di inclusione, il rafforzamento dell’indennità di accompagnamento per l’autosufficienza, la lotta contro la violenza sulle donne, sono per noi strategici, soprattutto quando mettono al centro il lavoro come chiave di svolta per uscire dalla povertà. Per una società solidale e inclusiva che, partendo dai giovani e dalle famiglie, sappia riconoscere pienamente il diritto al lavoro come condizione prioritaria di dignità.

SICUREZZA E LEGALITÀ
La democrazia è il rispetto della legge. La consapevolezza del pericolo non può farci rinchiudere in un mondo di muri e di paure. Il presidio del territorio, le risorse per le forze dell’ordine ed una giustizia che garantisca la certezza della pena sono le priorità per il rispetto delle regole di convivenza.

SEMPLIFICAZIONE ED EFFICIENZA
La macchina pubblica: meno burocrazia. La pubblica amministrazione deve essere il principale punto d’incontro fra Stato, cittadini e imprese. Agevolare l’accesso ai servizi, ridurre la burocrazia, semplificare le normative e accelerare la macchina della giustizia civile sono alcuni degli impegni che ci prendiamo.

ROMAGNA PROTAGONISTA
Vogliamo una Romagna capace di pensare in grande e di progettare il suo sviluppo in maniera responsabile e sostenibile, dove le scelte che riguardano la mobilità, la sanità, il turismo, la cultura siano sempre più coordinate e servano ad elevare ancor di più la qualità della vita che caratterizza la nostra terra.

Per approfondire il Programma Elettorale del Partito Democratico clicca qui e per rivedere la presentazione del Programma clicca qui.

Contributo dei GD al Congresso PD Cesena 2017

Da parte dei Giovani Democratici viene il più sincero ringraziamento a Paolo Zanfini, segretario comunale uscente, per il servizio di questi anni. Paolo si è messo in gioco, ha affrontato con garbo e sincerità le critiche dei tanti balconatori (come direbbe Papa Francesco) di questa città. Nocchiere di una nave “in gran tempesta”, ha guidato il partito attraverso le multiformi circostanze degli ultimi anni. Ma, certo, non si può non rilevare che qualcosa in questi anni non abbia funzionato. Anche a livello comunale, troppe volte abbiamo dato l’impressione che la nostra discussione fosse isolata e, talora, del tutto assente. Se si parla da un’isola il messaggio giunge solo a chi vive in quell’isola, per tutti gli altri in mezzo c’è il mare. Crediamo che il PD, invece, debba stare sulla terraferma, far arrivare il messaggio alla città tutta, aprirsi alle realtà del territorio, alle associazioni, alle esperienze più disparate. Sempre con l’assillo, però, che aprirsi significa discutere, farsi contaminare, non divenire un tutt’uno con gli interlocutori. La sententia di guida dev’essere quel “amici di tutti ma parenti di nessuno” di bersaniana memoria. E’ necessario che il PD mantenga la sua indipendenza nell’elaborazione, indipendenza anche rispetto alle scelte dell’amministrazione comunale. Perché lo schiacciamento del partito sulle posizioni dell’amministrazione è frustrante per chi milita nel partito e lo vorrebbe luogo nel quale esprimere le istanze della città con la speranza di essere un pungolo per l’amministrazione. Continue reading

Tommaso Pollarini nuovo Segretario GD Cesena

Congresso GD 2015Venerdì 16 gennaio alla sera presso la sede del PD di Viale Bovio si è tenuto il IV Congresso Territoriale dei Giovani Democratici di Cesena. È stato eletto il nuovo segretario: Tommaso Pollarini, 18 anni, frequentate l’ultimo anno del Liceo Classico “Vincenzo Monti” di Cesena.
“I Giovani Democratici dovranno continuare ad essere un pungolo per la discussione nel Partito e nel Paese”, queste le parole del neo segretario.
Durante la serata sono stati numerosi gli interventi dei Giovani di Cesena, Cesenatico e di tutta la Regione. Da tutti emerge l’idea che i Giovani Democratici possano e debbono essere un fattore fondamentale nelle prossime tappe della stagione riformatrice in atto nel Paese.
Inoltre alla serata erano presenti anche il Segretario Regionale dei GD Vinicio Zanetti, i Segretari Comunali e Territoriali del PD di Cesena, Paolo Zanfini e Fabrizio Landi, ed il Presidente del Consiglio Comunale Simone Zignani. In più a causa della loro assenza per motivi di impegni istituzionali sono stati letti i messaggi della neo Consigliera Regionale Lia Montali e del giovane deputato Enzo Lattuca.
Conclude il segretario Tommaso Pollarini: “Noi Giovani Democratici abbiamo già dimostrato come il nostro contributo risulti talvolta decisivo per la formulazione di proposte a favore dei giovani, grazie alla nostra posizione privilegiata rispetto a tali argomenti.
Infine un grazie al segretario uscente, Lorenzo Fiori, che in questi anni così difficili ha sempre tenuto fede al suo impegno con costanza e determinazione.”

Il Premier e Segretario PD Renzi a Cesena!

Matteo Renzi CesenaMatteo Renzi sceglie Cesena per incontrare i cittadini della Romagna. Il Presidente del Consiglio ha infatti confermato il suo arrivo a Cesena alle ore 21:00 di venerdì 16 maggio. L’appuntamento per tutti i cesenati ed i romagnoli è in Piazza del Popolo dove, ad accoglierlo, troverà anche il candidato Sindaco della coalizione di centrosinistra Paolo Lucchi ed il candidato romagnolo alle elezioni europee Damiano Zoffoli“. Con queste parole, Fabrizio Landi, Segretario Territoriale del Pd cesenate, ha annunciato il ritorno di Renzi a Cesena, ad oltre un anno e mezzo dalla sua ultima visita (autunno 2012 al Teatro Bonci) e, per la prima volta, da quando è a capo del Governo. “Siamo, naturalmente, molto soddisfatti della scelta di Renzi – ha proseguito Landi – e consapevoli dell’importanza di questa visita che, ancora una volta, pone Cesena al centro della Romagna. Siamo certi che l’evento costituirà per tutto il territorio una occasione di grande importanza per ascoltare direttamente dal Segretario del nostro Partito, quali motivazioni e quali tempi stiano guidando le scelte che porteranno il nostro Paese fuori dalla crisi economica e sociale che ci sta attanagliando. Sono certo che i cesenati accoglieranno Matteo Renzi con l’entusiasmo e la forza che da sempre ci caratterizza”.
Non possiamo che essere felici della visita del Presidente del Consiglio e Segretario del Partito Democratico Matteo Renzi: anche la sua scelta conferma che Cesena non si ferma!